Il metodo Feldenkrais guarisce dai dolori muscolo-scheletrici?

13 Marzo 2018 di Il Pensiero Scientifico Editore

Di cosa si tratta?

È una tecnica corpo-mente che intende favorire la consapevolezza riguardo al movimento del corpo. È stato ideato da Moshé Feldenkrais un fisico e ingegnere israeliano, successivamente naturalizzato britannico. L’assunto da cui partiva l’inventore del metodo è che modificare i movimenti abituali può avere degli effetti benefici sul dolore e sulla funzionalità. Rispetto ad altre metodiche, il metodo Feldenkrais non prescrive delle specifiche posture.

Come funziona?

In sessioni di gruppo (Conoscersi attraverso il movimento – CAM) i partecipanti sono orientati a una postura ritenuta migliore ma talvolta si preferisce ricorrere anche a sedute individuali (integrazione funzionale), alle quali fa seguito solitamente un’attività gestita personalmente senza bisogno di un istruttore (ginnastica dolce).

Per cosa è prescritto?

Genericamente, l’obiettivo è quello di raggiungere una condizione di maggiore benessere attraverso il mantenimento di una postura più corretta e movimenti differenti da quelli ai quali una persona è abituata.

Ma è vero che il metodo Feldenkrais funziona?

Non sono mai stati chiariti i meccanismi fisiopatologici che dovrebbero sottostare ai miglioramenti promessi. Gli autori di una ricerca che ha studiato l’insieme degli articoli pubblicati fino al 2004 (una revisione sistematica) si sono trovati di fronte a pochi studi, molto eterogenei (il metodo era applicato a situazioni differenti e i risultati erano misurati sulla base di esiti diversi) e pertanto non sono giunti a conclusioni definitive (Ernst e Canter, 2005).

Un’altra ricerca dello stesso tipo ma più recente non è riuscita a chiarire i dubbi sull’efficacia del metodo Feldenkrais (Hillier e Worley, 2015). Va sottolineato che a un occhio esperto la qualità di questa revisione sistematica non è accettabile, a partire dall’assenza di un preciso interrogativo di ricerca che rappresenta la premessa per valutare se una cura funziona.

Inoltre, non sono disponibili studi che possano dimostrare che il metodo Feldenkrais “funzioni” per ridurre il dolore nella parte inferiore della schiena (in altre parole, nel caso della lombosciatalgia) che è una delle ragioni più frequenti per le quali il metodo viene suggerito. Uno studio talvolta citato ne ha valutato gli effetti su un gruppo di 26 persone metà delle quali seguivano il metodo Feldenkrais e l’altra metà – il cosiddetto “gruppo di controllo” – aveva ricevuto indicazioni posturali più generiche. Al termine dello studio (del quale va comunque sottolineata la scarsa o nulla rappresentatività, avendo coinvolto una “popolazione” così piccola) non sono emerse differenze rilevanti nello stato di benessere riportato dalle persone che facevano parte dei due gruppi.

Nel dare un giudizio sul metodo Feldenkrais non si può trascurare il fatto che si tratta di un percorso di conoscenza e apprendimento che, per certi aspetti, va oltre l’obiettivo del miglioramento dei sintomi dolorosi delle persone affette da disturbi muscolo-scheletrici (Connors et al, 2010) al punto che il metodo è diventato conosciuto anche tra gli educatori che lavorano con i bambini o tra gli adulti che fanno teatro.

Il metodo Feldenkrais è (almeno) sicuro?

Non disponiamo di prove che il metodo sia efficace, ma si può considerare sicuro in quanto non sono riportati – neanche aneddoticamente – effetti avversi o incidenti causati dall’aver seguito il metodo.

Argomenti correlati:

Attività fisicaPrevenzione
Il Pensiero Scientifico Editore

Autore Il Pensiero Scientifico Editore

Il Pensiero Scientifico Editore è tra le più “antiche” case editrici scientifiche italiane. Fondata nel 1946, collabora con le principali istituzioni sanitarie pubbliche del nostro Paese. Ha collaborato per anni col Ministero della salute e con l’AIFA alla produzione del Bollettino di Informazione sui Farmaci. La Provincia Autonoma di Bolzano si avvale del Pensiero Scientifico Editore per la cura del portale della Biblioteca Medica Virtuale e la ASL Roma 1 della Regione Lazio della Biblioteca online Alessandro Liberati. È provider nell’ambito del Programma Nazionale di ECM. Il Pensiero Scientifico Editore cura l’edizione di 20 riviste, parte delle quali pubblicate in collaborazione con società scientifiche, e di circa 30 nuovi libri ogni anno.
Tutti gli articoli di Il Pensiero Scientifico Editore